Change's questions

Come le esperienze passate influenzano il presente

Le nostre esperienze passate, come echi che tornano continuamente, influenzano profondamente il nostro presente, arrivando a plasmare le nostre scelte, i nostri pensieri e le nostre azioni. Spesso, ci ritroviamo intrappolati in schemi disfunzionali, ripetendo meccanismi che in passato hanno avuto successo, ma che nel presente risultano inefficaci e ci impediscono di progredire.

“Ho sempre fatto così”, “Io sono così”,” quando ho provato qualcosa di diverso è finita male..

Le trappole del passato:

Queste frasi, apparentemente innocue, racchiudono un pericoloso inganno. Il passato, pur ricco di insegnamenti, non deve diventare un’ancora che ci tiene legati a comportamenti ormai superati. Ripetere meccanismi che in passato hanno avuto successo senza adattarli alle nuove circostanze ci condanna a ripercorrere gli stessi errori, a rivivere le stesse delusioni.

Come in un loop temporale: stessi risultati nel lavoro, nelle relazioni e nello sport

La ripetizione di schemi disfunzionali si manifesta in diversi ambiti della vita:

      • Nel lavoro: Continuiamo a fare lo stesso lavoro senza avanzare di carriera, intrappolati in una routine che non ci soddisfa più condizionati da paure causate da esperienze negative.
      • Nelle relazioni: Ripetiamo gli stessi schemi tossici nelle relazioni, attirando partner che ci fanno soffrire o ci incastriamo in storie che ci fanno stare male.
    • Nello sport: Continuiamo a commettere gli stessi errori durante le gare, per il timore di vederci diversi dall’idea che abbiamo di noi stessi o che altri hanno di noi, impedendoci di raggiungere i nostri reali obiettivi.

Un passato difficile, un futuro limitato:

Diversi studi hanno rilevato come individui con un’infanzia difficile tendano a sviluppare una bassa autostima. Questa convinzione negativa di sé stessi li porta ad accontentarsi di lavori poco gratificanti, rinunciando inconsciamente alle proprie aspirazioni e al proprio potenziale. Il passato, in questo caso, diventa una maschera che li priva della possibilità di sognare in grande e di raggiungere il successo.

Relazioni disfunzionali: il copione del passato si ripete

Altri studi dimostrano come il passato possa influenzare anche le relazioni sentimentali. Individui abusati o maltrattati nell’infanzia tendono a sviluppare relazioni caratterizzate da insicurezza e dipendenza emotiva. Il trauma vissuto li porta a riproporre inconsapevolmente gli stessi schemi disfunzionali nelle relazioni attuali, ostacolando la possibilità di costruire legami sani e appaganti. Il passato, in questo caso, diventa un copione che si ripete, impedendo loro di vivere relazioni autentiche e ful filling.

Violenza: l’eco del passato che diventa presente

Traumi infantili legati a violenze subite o vissute come osservatori possono avere conseguenze ancora più drammatiche. In alcuni casi, l’individuo è portato a interiorizzare la violenza come schema comportamentale, ripetendo le stesse brutalità subite. Il passato, in questo caso, diventa un seme di violenza che germoglia nel presente, alimentando un circolo vizioso di dolore e sofferenza.

Anche il quotidiano risente del passato:

L’influenza del passato non si limita a eventi traumatici, ma si manifesta anche in gesti quotidiani. Un esempio banale: cambiare strada per andare al lavoro, dopo aver percorso la stessa per anni, può generare un senso di disorientamento e paura. Anche questo piccolo cambiamento rappresenta una rottura con la routine, con ciò che è familiare e sicuro, e attiva inconsciamente meccanismi di difesa che ci frenano.

Come liberarsi dalle catene del passato:

Liberarsi dalle catene del passato: la via verso la crescita. La consapevolezza è il primo passo per spezzare le catene del passato. Osservare i nostri pensieri e le nostre azioni con occhio critico, riconoscendo i pattern ricorrenti, è fondamentale per identificarne le radici nel passato. Ecco alcuni consigli per liberarsi dai condizionamenti del passato:

    • Metti in discussioni le tue convinzioni: Sfida le convinzioni che ti dicono “non sono capace”, “non ci riuscirò mai”, “non sono abbastanza bravo”.
    • Imparare dai propri errori: ciò che è accaduto nel passato non deve essere visto come un fallimento, ma come un’opportunità di apprendimento. Analizza i tuoi errori passati e individua cosa avresti potuto fare di diverso.
    • Aprirsi a nuove esperienze: Uscire dalla propria zona di comfort e sperimentare cose nuove permette di ampliare le proprie vedute e di scoprire nuove possibilità.
    • Richiedere aiuto: Se ti senti bloccato e incapace di liberarti da solo dai condizionamenti del passato, un professionista o un Coach può aiutarti a sviluppare nuove strategie e a superare i tuoi schemi disfunzionali.

 

Domande per l’auto-riflessione:

    • Ci sono schemi ricorrenti che hai notato riproporsi nelle tue esperienze passate?
    • Questi schemi influenzano le tue scelte e le tue azioni nel presente?
    • In quali ambiti della tua vita ti senti intrappolato in un loop temporale?
    • Quali convinzioni limitanti ti impediscono di progredire?
    • Sei disposto a mettere in discussione il passato e ad aprirti a nuove esperienze?

 

Ricorda: il passato rischia di definire il tuo futuro se glielo permetti. Con consapevolezza, coraggio e il giusto supporto, puoi liberarti dalle catene del passato e costruire un presente ricco di possibilità e di nuove esperienze.

Monica B. Mental Coach

Lascia un commento